Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
152
0

Android 5 potrà contare su più smartphone. Google ha deciso infatti di collaborare con diverse aziende, e non solo con Samsung, per sbarcare sul mercato con dispositivi "proprietari". L'obiettivo è vendere direttamente i terminali, senza coinvolgere terze parti. In questo modo i clienti non solo avranno a disposizione aggiornamenti software più veloci, ma anche ottimizzazioni software firmate da Google. Non meno importante il fatto che le partnership industriali avranno un effetto tranquillizzante sul settore: l'acquisizione di Motorola da parte del colosso di Mountain View spaventa per il rischio di favoritismi. In ogni caso il vero problema sarà quello dei listini. Gli operatori mobili normalmente, grazie alle vendite all-inclusive, riescono a incidere notevolmente sui prezzi finali. Escluderli dalle operazioni di vendita obbligherà Google a farsi carico di ogni eventuale promozione. Insomma, per sbarcare in modalità competitiva sul mercato dovrà rinunciare a parte dei ricavi sul venduto e "accontentarsi" di quelli generati da pubblicità, app e contenuti multimediali. In ogni caso la buona notizia è che l'eventuale successo dei nuovi Nexus porterà a una riduzione della frammentazione di Android, soprattutto per i terminali di fascia alta. Come ha rilevato recentemente OpenSignalMaps, il sistema operativo mobile di Google è presente sul mercato mondiale con undici versioni di Android (dalla 1.5 alla 4.0.x) su quasi 4000 diversi modelli di 599 marchi (Samsung è il primo, seguito da HTC, Sony Ericsson e Motorola). È senza dubbio giunto il momento di mettere ordine al segmento e concentrare le forze.

4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation