Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
66
0

Attenzione a scegliere l'app giusta. Soprattutto se la denominazione non è esattamente quella ricercata. Le applicazioni truffa, spesso vendute anche a costi considerevoli, fino a diversi euro, sono sempre più diffuse. Microsoft, ad esempio, ha di recente aggiornato i requisiti minimi che gli sviluppatori devono rispettare per superare la certificazione e vedere la propria app pubblicata su Windows Store. A seguito di questa novità, sono state ben 1.500 le app rimosse dallo store perché non ritenute idonee. Si trattava appunto di “fake app” a pagamento, spesso infarcite di malware. "Ogni negozio di applicazioni trova il proprio equilibrio tra la qualità delle app e la scelta - questa la dichiarazione pubblicata sul blog di Microsoft e riportata dalla stampa -. All'inizio di quest'anno abbiamo udito forte e chiaro che per le persone stava diventando più difficile trovare le app che cercavano tra titoli confusi o fuorvianti. La maggior parte degli sviluppatori di app che violavano le nostre politiche hanno acconsentito a fare le necessarie modifiche. Altri sono stati meno ricettivi, portandoci a rimuovere finora oltre 1.500 app". Il problema delle app civetta, naturalmente, non riguarda solo lo store Windows, rappresentando un fenomeno comune a tutti i negozi di app per smartphone e tablet. La raccomandazione, in attesa di ulteriori verifiche, è sempre la stessa: facciamo anche noi la nostra parte per tutelarci, controllando una volta di più che la app in fase di download sia effettivamente quella desiderata.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation