Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
51
0

In casa di Valentino Rossi vince Lorenzo. Nello storico tracciato del Mugello, al giro di boa del campionato MotoGp, si è visto uno Jorge Lorenzo scatenatissimo. Lo spagnolo in sella alla Yamaha ha dominato per tutto il weekend. Lorenzo, domenica, al semaforo verde ha spalancato il gas ed è fuggito verso il traguardo svaporando Daniel Pedrosa su Honda, arrivato secondo al traguardo. Sul gradino più basso del podio si rivede ancora Andrea Dovizioso. Il Dovi ci ha preso gusto, con la sua Yamaha non ufficiale sta facendo una stagione, fin qui, straordinaria. Il Vale giunge quinto e risulta la migliore Ducati come ormai da un po’. Nelle prove, durante il fine settimana, la Desmosedici numero 46 ha fatto fatica ad imporsi, infatti il Dottore parte decimo in griglia. A conferma del fatto che la partenza non è proprio il suo punto forte, Valentino Rossi al via scivola ancora più indietro e la risalita sembra essere difficile. Un tempo si diceva che "la classe non è acqua", ma qui si viaggia a 300 all’ora sul rettilineo e Valentino ha dovuto comunque sudare parecchio per tenere il passo. Alla fine ha portato a casa un bel risultato. In casa Ducati si stanno vedendo i frutti del duro lavoro portato avanti ogni giorno. Al Mugello il podio è stato molto vicino: circa un secondo il distacco tra il Vale e Dovizioso. Dopo la gara si è visto un Lorenzo molto frizzante, sul suo account Twitter, @lorenzo99, ha scritto un bel ringraziamento a tutti i suoi fan: "Ottima 5° vittoria della stagione al Mugello. Abbiamo fatto qualcosa di grande! Grazie per il vostro supporto. Grandi". La domenica delle due ruote passa anche attraverso il Tour de France. La quattordicesima tappa sarà ricordata dallo scherzo poco originale che qualche buontempone ha riversato sulle salite dei Pirenei. Personaggi che centrano poco con lo sport hanno pensato di creare scompiglio gettando in strada dei chiodi da tappezziere. La logica conseguenza di questo gesto ha visto parecchi corridori forare perdendo tempo e terreno con il gruppo che era andato in fuga. Spesso questo sport da duri e da veri eroi è stato oggetto di sabotaggi da parte di malintenzionati, dalle borracce avvelenate ai tempi di Bartali e Coppi alle puntine da disegno nell’epoca di Moser. Nonostante tutto però, il ciclismo rimane e rimarrà sempre lo sport del popolo, della gente vera che si accalca sulle salite più impervie e che incita, spinge cercando di far vincere il proprio beniamino. Su Twitter si sono dati appuntamento tutti gli indignati per quanto successo, se cercate #tourdefrance e #chiodi potrete leggere commenti davvero originali. Intanto la tappa di ieri è stata vinta da Sanchez, per la quarta volta sul gradino più alto del podio. In giallo rimane sempre Wiggins del team Sky. Per ora è tutto, l’appuntamento per la prossima settimana rimane invariato. Nel frattempo ci tufferemo nel mare della rete per catturare parole e immagini da BarSport… Digitale.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation