Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Community Manager
137
1

Gli utenti che sfruttano il protocollo Torrent per scaricare film o musica pirata non sanno che il traffico generato ha un effetto collaterale davvero pericoloso. L'hanno scoperto gli esperti in sicurezza. In pratica pare che i file scaricati spesso siano accompagnati da indirizzi URL al posto del tracker (un server a cui ogni client della rete Torrent deve connettersi), capaci di alimentare veri e propri attacchi DDOS. La dinamica è semplice. Un utente condivide un file Torrent, nel campo tracker digita l'indirizzo di un sito (URL), dopodiché chi scarica, in automatico (e senza saperlo), invia una richiesta di connessione a quella specifica URL. Migliaia di utenti, senza accorgersene, di fatto possono bloccare l'attività di un sito provocando un attacco DDOS. Ovviamente il problema può essere più o meno grave a seconda della quantità di utenti in gioco. Un file popolare può diventare molto pericoloso. E la cosa tragica è che tutti i siti sono a rischio. L'unica soluzione è un aggiornamento da parte degli sviluppatori di BitTorrent. Ebbene, la modifica è in lista, ma non per tutti: sarà integrata nella prossima versione del noto client BitTorrent Vuze. La speranza è che si diano da fare anche gli altri client.

Mostra altro
1 Commento
New Entry
se è così dovranno trovare al più presto una soluzione
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation