Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
77
0

Fine settimana molto intenso quello appena terminato: le Olimpiadi di Londra stanno regalando ai nostri colori molte soddisfazioni. Noi spettatori seduti comodi sul divano siamo pronti a saltare a esultare. Il nostro medagliere inizia a rimpinzarsi di medaglie e in classifica generale (mentre si scrive) ci troviamo sul gradino più basso del podio dietro ai colossi Cina e USA. Le nostre otto medaglie brillano ed è da sabato, giorno della prima vittoria, che fanno eco nella mente di tutti noi tifosi. Che dire del podio tutto italiano della scherma individuale femminile. Alzi la mano chi non si è emozionato vedere i tre gradini riservati ai vincitori delle medaglie colorati di azzurro Italia? Le nostre splendide atlete del fioretto: Elisa Di Francisca (oro), Arianna Errigo (argento) e Valentina Vezzali (bronzo). Sabato 28 è stata una giornata fantastica, oltre al fioretto arriva la seconda medaglia d’oro con il tiro con l’Arco a squadre. L’Italia vola in alto con Michele Frangilli, Marco Galiazzo e Mauro Nespoli. Di norma la domenica è la giornata del riposo, non per Rosalba Forciniti. La nostra judoka riesce ad aggiudicarsi la medaglia di bronzo superando in finale la lussemburghese Marie Muller. Rosalba, nata a Cosenza, è la prima donna calabrese a salire sul podio olimpico nella storia dei Giochi. Il suo temperamento l’ha fatto vedere anche alla fine della gara sfoggiando una maglia con una scritta molto particolare: "Le buone ragazze vanno in paradiso, le cattive ragazze vanno... a Londra!". A chi era rivolta non è dato sapere, ma a buon intenditore poche parole… Dopo qualche ora di attesa inizia la prova di SuperFede che deve difendere il suo primato nel 400 stile libero. La nostra campionessa purtroppo non riesce a incidere ed essere protagonista: arriva quinta. Vince la francese Camille Muffat. A fine gara una delusa Federica commenterà la sua prova con un laconico: "Non ne avevo più di così, ci ho provato fino alla fine". Su Twitter sotto l'hashtag #Pellegrini esplode la polemica per questa prova opaca, ma chi vive di sport sa che non c’è il tempo per leccarsi le ferite, bisogna andare avanti. SuperFede con i suoi occhi da tigre ha avuto l’occasione per rifarsi, e questa mattina ha superato la batteria dei 200 sl approdando alla semifinale con il tempo di 1.57.16. Quinta dopo i primi 50 metri, è risalita al terzo posto ai 100 metri (57'42), per chiudere la gara davanti a tutte. A fine gara ha dichiarato: "Riesco a metterci quel qualcosa in più nei 200. Per adesso ragioniamo una eliminazione alla volta, poi pensiamo alle semifinali". Aspettando altri incredibili risultati dalle Olimpiadi, che per i nostri colori sono iniziate nel miglior dei modi, vi diamo appuntamento al prossimo start. Per ora vi lasciamo alle solite chiacchiere da BarSport… Digitale.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation