Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Follower
51
0

Prendi un’auto, una videocamera e l’immancabile macchina fotografica e lasciati alle spalle Milano e una di quelle giornate fredde e uggiose. La direzione è La Spezia, dove l’inverno sembra non essere ancora arrivato: temperatura e profumi primaverili danno una nota di magia a quell’insenatura del Mar Ligure che non a caso viene chiamata “Golfo dei Poeti”. Succede tutto in una normale giornata di lavoro, perché in effetti – nonostante la voglia di stendersi al sole in riva al mare – siamo lì per lavorare. E così arriviamo al cantiere dove Giovanni Soldini ci aspetta per aprirci le porte del suo mondo. Appena entrati, capiamo che di tempo per godersi la bella giornata non ce n’è affatto. Eh già, perché Giovanni ha lanciato una nuova sfida, contro il tempo e contro se stesso. Questa volta non parteciperà ad alcuna regata o non attraverserà l’oceano in solitaria, ma ci sarà un equipaggio con lui e l’obiettivo è quello di battere un record mondiale: 3 tappe (Cadice-San Salvador, Miami-New York e New York-Cape Lizard) e la prima barca italiana che potrebbe compiere il tempo di riferimento su una rotta del World Sailing Speed Record Council (il massimo organismo internazionale per i record a vela). La data di partenza è prevista a giorni e la corsa contro il tempo è iniziata affinché tutto sia pronto nel più breve tempo possibile. Nella pausa pranzo, in attesa del gruista, conosciamo parte dell’equipaggio: abbigliamento da lavoro, strette di mano decise, orecchini da marinai, tatuaggi di delfini e balene sugli avambracci, volti sinceri e sorridenti segnati dal mare. Poco tempo per i convenevoli, giusto qualche simpatico aneddoto di quelli che si raccontano tra vecchi amici, ma soprattutto un gran discutere degli ultimi dettagli tecnici e logistici. Tornati sul cantiere l’attività è a dir poco frenetica, poiché è arrivato il nuovo bulbo che deve essere sostituito. Appena si fa vivo il gruista del cantiere, viene spostata la barca dall’invaso e si approfitta per le ultima levigature alla chiglia: c’è odore di vernice e di resine bicomponenti nell’aria; intanto il cellulare di Giovanni squilla di continuo, lo si sente parlare di abbigliamento,spedizioni consegne, ogni dettaglio deve essere perfettamente stabilito e concordato. Nella gallery di seguito trovate alcuni dei momenti più importanti della giornata, mentre a breve pubblicheremo anche un’intervista che nel pomeriggio siamo riusciti a strappare a Giovanni. Oggi Maserati tornerà in acqua, nel frattempo auguriamo buon lavoro e buon vento a Giovanni e a tutto il suo team.













4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation