Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
98
0

Il motore di ricerca Mountain View ha deciso di eliminare i siti commerciali di armi nelle pagine dei risultati nella sezione di Google Shopping. Informazioni relative a pistole, fucili,  coltelli, munizioni e accessori vari sono state bloccate come riportato dal sito Outdoor Hub, che ha reso pubblica una lettera di Google indirizzata ai commercianti. Nel dettaglio Google richiede la rimozione degli articoli bellici registrati su Google Merchant Center, la piattaforma dove vengono caricati i dati dei prodotti per renderli disponibili per Google Shopping e per altri servizi. Forse non è un caso che Big G abbia preso una posizione così netta in merito: in questi giorni infatti a New York presso il quartier generale delle Nazioni Unite sono in corso i negoziati finali per il Trattato sul commercio internazionale delle armi. Non hanno tardato ad arrivare le critiche da acquirenti e venditori di armi da fuoco che sul sito Change.org hanno indetto una petizione per rivedere la scelta di Google, che oltre a violare il secondo emendamento della Costituzione statunitense, arrecherebbe anche gravi danni economici a piccole e medie imprese. Una situazione che interessa maggiormente gli Stati Uniti e il mercato americano data la diffusa commercializzazione di armi rispetto all'Europa. Certamente i pacifisti appoggeranno la scelta di Google ispirata da forti valori, anche se destinata a sollevare un gran polverone.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation