Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
33
0

I ricercatori dell'Università di Cambridge hanno usato un kit di Lego Mindstorms, la versione evoluta dei classici mattoncini Lego, per automatizzare le procedure scientifiche più noiose. Michelle Oyen e Daniel Strange hanno infatti trovato un modo originale per sviluppare il proprio progetto. I due studenti sono al lavoro per realizzare ossa artificiali, ma i passi per creare i campioni sono particolarmente tediosi. La procedura prevede infatti che un oggetto base, come un piccolo pezzo di metallo, sia ripetutamente immerso in varie soluzioni per poi essere risciacquato. Questo lungo procedimento deve essere ripetuto diverse volte prima di costruire l'osso artificiale ed è molto noioso per gli umani, ma i due responsabili del progetto hanno pensato che si poteva automatizzare tutto in modo economico. Il kit di Lego Mindstorms è infatti servito a realizzare due piccole gru, programmate per muoversi su un percorso preimpostato e per abbassare il campione di osso artificiale nelle varie soluzioni. Il rudimentale robot svolge perfettamente il suo lavoro ed è capace di andare avanti giorno e notte, lasciando ai ricercatori il tempo per prendersi cura di altri lavori. I campioni finali ottenuti grazie alle gru robotiche sono perfetti, grazie alla precisione dei passaggi realizzati con "l'aiutante fatto di Lego". Le ossa artificiali sono usate principalmente negli impianti ossei, ma i ricercatori credono che un giorno potrebbero essere usate anche come materiale costruttivo. Quando arriverà quel giorno dovremo ricordarci di ringraziare anche i mattoncini Lego.




4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation