Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Follower
144
1

Faccio usare al bambino il software X perché poi così sarà avvantaggiato al momento di trovare lavoro oppure Compro il computer Y dato che a scuola lo usano tutti i suoi compagni. Sono previsioni e affermazioni dagli esiti difficilmente felici. Il mondo dei computer evolve molto in fretta; il software e l'hardware così previdentemente forniti al dodicenne hanno altissime probabilità di risultare vecchi e dimenticati per quando gli anni saranno ventidue (o anche molti meno). Oppure di funzionare in modo talmente diverso da rendere inutile l’addestramento preventivo. Inoltre nella tecnologia eccelle chi riesce a distinguersi, non chi si omologa. Un cucciolo allevato con l’obiettivo di renderlo uguale agli altri non avrà niente in più degli altri. Provare a incoraggiare la differenza invece - specie se il cucciolo si dimostra sveglio - potrebbe dargli la classica marcia in più. Meritano un discorso a parte certi professori i quali, essendo capaci di usare un solo programma, impongono quel programma a tutti i loro studenti. I professori non dovrebbero insegnare programmi, ma metodi. E magari spiegare come applicare un certo metodo a programmi diversi, incoraggiando il pensiero creativo e i percorsi originali alla soluzione dei problemi. Se un docente si impunta su un programma specifico, è giusto e lecito chiedere di più. Un brutto voto ricevuto sarà solo un fastidio passeggero, niente rispetto ai vantaggi fondamentali di una mente aperta e della capacità di padroneggiare molti strumenti, diversa dal lasciarsi schiavizzare da uno solo.

1 Commento
New Entry
in due parole software libero
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation