Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Community Manager
80
0

Nintendo 3DS XL, la nuova versione della console portatile dell'azienda giapponese, sarà disponibile ufficialmente il 28 luglio e il boss Satoru Iwata sta approfittando di questi giorni per fare un po' di chiarezza sul sito web aziendale. La sintesi è che il nuovo 3DS XL ha uno schermo migliore del modello più piccolo. Non si parla soltanto di dimensioni (4,88 pollici contro 3,53 per lo schermo superiore e 4,18 pollici contro 3,02 per quello inferiore) ma anche di qualità, come spiegato da Takashi Murakami del Mechanical Design Group di Nintendo. La nuova console portatile integra infatti una nuova tecnologia in grado di ridurre la capacità di riflettere i raggi solari al 3%, a differenza del 12% ottenuto dal 3DS normale. "Il segreto - ha dichiarato Murakami - è un trattamento speciale dei tre strati riflettivi che compongono lo schermo LCD, che insieme riflettono e causano un bagliore". Nintendo è riuscita a implementare questa novità soltanto ora, grazie all'incessante progresso tecnologico dell'industria. Anche Iwata insiste sulla tecnologia anti-riflesso e sostiene che Nintendo l'ha tenuta sotto controllo fin dai tempi del GameBoy Advance. Purtroppo non è mai stata adottata a causa degli alti costi di produzione, ma ora la situazione è cambiata. Un altro vantaggio ottenuto dallo schermo più grande è una maggiore intensità dell'effetto parallasse (parallax), responsabile dell'esperienza 3D sulla console portatile. Tuttavia gli appassionati hanno più di qualche dubbio sull'effettiva bontà ottenuta dalle maggiori dimensioni degli schermi. Ricordiamo infatti che Nintendo ha aumentato i pollici dei due display senza ritoccare la risoluzione, che di fatto è la stessa del 3DS normale. Il timore principale è che con gli schermi più grandi si riescano a notare più facilmente le imperfezioni grafiche, visto che il numero dei pixel è sempre lo stesso. Tuttavia Murakami rassicura (in modo ironico) i fan.: "a quanto pare ho una super-vista, quindi se guardate gli schermi con i miei occhi noterete la differenza. Tuttavia durante il gioco normale credo che nessuno sia in grado di rilevare qualcosa di strano". L'ingegnere di Nintendo continua spiegando che "l'obiettivo dell'azienda era di ottenere 100 ppi2 per visualizzare immagini 3D di buona qualità, e sotto questo aspetto non c'è nulla da recriminare". Online nel frattempo affiorano le prime impressioni, e i siti specializzati sostengono che il problema principale di questa console sia proprio la stessa risoluzione del modello precedente. Un occhio attento e allenato potrebbe vedere più imperfezioni rispetto al "vecchio" 3DS, tuttavia il parere unanime è che l'effetto 3D sia ancora più godibile, confermando la tesi di Nintendo. Non rimane che aspettare qualche giorno per dare uno sguardo ravvicinato a tutti i miglioramenti del nuovo Nintendo 3DS XL.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation