Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
81
0

Intel sta investendo nel mondo Android, e lo farà mettendo a disposizione 29mila dollari per chi realizzerà applicazioni per smartphone e tablet con piattaforma x86 (l'architettura tradizionale dei PC), basati sul sistema operativo mobile di Google. Il concorso si chiama Code Project ed è indirizzato principalmente agli sviluppatori che realizzano giochi per Android, in modo da incentivarli a creare nuovi contenuti per i dispositivi mobili con chip Intel. Il sito web realizzato da Intel appositamente per l'iniziativa spiega tutti i dettagli e il regolamento. Il concorso finirà il 6 novembre e si potranno vincere quattro premi mensili da mille dollari l'uno più un "super-premio" finale da 25 mila dollari. Chi vorrà cimentarsi nell'impresa dovrà realizzare un'app e testarla mediante un emulatore Android 4.0.4 (disponibile online), poi basterà inviare una descrizione del gioco via mail, allegando alcune informazioni di carattere tecnico. L'iniziativa di Intel è soltanto il primo passo per motivare gli sviluppatori, con bonus in denaro che vanno al di là dei ricavi ottenuti dalla vendita delle App, ed è una mossa decisamente prevedibile, visto che l'azienda sta cercando di fronteggiare lo strapotere dei chip ARM che attualmente dominano il mercato dell'ultramobility. Se con Windows 8 non ci sono problemi visto che il sistema operativo supporta nativamente la piattaforma x86, su Android ci sono grosse difficoltà, perché per ora i chip di Intel hanno "latitato" e, di conseguenza, anche le applicazioni compatibili. I primi smartphone basati sulla piattaforma x86 di Intel sono in produzione dall'inizio del 2012 grazie a Lenovo, Lava International e Orange, ma l'aziennda sta investendo anche nei chip per tablet (nome in codice Clover Trail) che dovrebbero arrivare entro la fine dell'anno. Il problema principale per Intel è che il mercato mobile gravita intorno all'ecosistema offerto agli utenti e non all'hardware. Inoltre i chip dell'azienda non possono contare sulle buone prestazioni grafiche offerte dalle soluzioni della concorrenza. Considerando che il mercato del mobile gaming sta vivendo un periodo d'oro, Intel vuole attirare i consumatori con prodotti specifici, peccato che per ora la maggior parte delle app Android siano basate sui processori ARM appunto. Titoli come Angry Birds sono compatibili con x86, ma gli utenti diventano sempre più esigenti e di certo non bastano pochi titoli per conquistare la massa. Per questo motivo Intel ha deciso di promuovere quest'iniziativa, e sembra palese che sarà soltanto un primo tentativo per cercare di recuperare terreno nei confronti della concorrenza.

4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation