Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
33
0

Intel ha avviato le pratiche per il ricorso contro la storica sentenza antitrust da più di un miliardo di euro dell'Unione Europea. A distanza di 3 anni dalla condanna per attività anticoncorrenziali illegali e abuso di posizione dominante ai danni di AMD, è stato avviato il processo d'appello. "Per tutto il periodo ottobre 2002-2007 Intel ha avuto una posizione dominante nel mercato mondiale delle CPU (microprocessori) x86, per almeno il 70% (circa 4,62 miliardi di euro ndr.) della quota di mercato - riportava il vecchio comunicato UE del 2009 - La Commissione ha ritenuto che Intel abbia fatto ricorso a due specifiche forme di pratiche illegali. Primo, Intel ha dato sconti integralmente o parzialmente occulti a fabbricanti di computer a condizione che le acquistassero la totalità o la quasi totalità dei processori x86 di cui avevano bisogno". Oggi, considerata l'inflazione, la sanzione ha raggiunto 1,34 miliardi di euro, ma i legali Intel pensano di aver trovato una via di uscita."La qualità delle prove su cui si è basata la Commissione è profondamente inadeguata - ha commentato l'avvocato di Intel Nicholas Green - L'analisi è inesorabilmente difettiva [...] il caso della Commissione si rivolge alla comprensione soggettiva dei clienti". La Procura UE sostiene però che la generosa politica di sconti a favore dei vari brand "possono essere intesi soltanto per legare i clienti e mettere i concorrenti in una posizione sfavorevole". Tra un paio di mesi arriverà l'esito dell'appello.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation