Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Redazione News
96
0

L'innovazione tecnologica in Italia segna oggi una sua data epocale nella musica: per la prima volta nel mercato discografico, infatti, il digitale supera il fisico toccando il 51%. Complessivamente, il fatturato è salito dell'1% rispetto al 205, attestandosi a 66,4 milioni di euro, e addirittura del 23% sul 2014. I dati si riferiscono al 1° semestre 2016 con dati elaborati da Deloitte per Fimi (Federazione industria musicale italiana). La svolta è stata trainata dallo streaming, che rappresenta il 40% del mercato totale. Continua la sorprendente crescita del vinile (+43%!) pari al 5% del mercato. In discesa i cd, con un -13%. Sul fronte digitale - sottolinea una nota della Fimi - continua la progressione dello streaming in abbonamento, cresciuto del 68%, con servizi da Spotify ad Apple Music (qui il meglio del mondo Vodafone Entertainment), contro il +19% dell’ad-supported di YouTube. In totale, lo streaming ha fatturato 26,3 milioni e il 20% dei consumatori di musica accede a servizi in streaming a pagamento. Sempre forte il repertorio italiano che rappresenta il 44% contro il 38% del repertorio internazionale (comunque in salita del 7% rispetto allo stesso periodo del 2015). Tornando al vinile, il fatturato vale 3,4 milioni di euro, ben 1 milione in più rispetto ai 2,39 del primo trimestre 2015.

4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation