Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
40
0

La NASA considerati i tempi di magra finanziaria - che per altro hanno rallentato lo sviluppo delle astronavi che dovrebbero sostituire lo shuttle - ha deciso di sfruttare tecnologie consumer già esistenti anche in ambito spaziale. PhoneSat project nasce proprio da questo approccio pragmatico. L'idea è di realizzare un satellite chiamato CubeSat sfruttando l'hardware dello smartphone Nexus One Android. In verità di satelliti a basso costo, per permettere alle università di effettuare esplorazione spaziale e studi di vario genere, se ne parla da tempo. Ma il prossimo autunno sarà realtà: il lancio è previsto a breve. Sarà un volo sperimentale per saggiare le potenzialità del prototipo, ma non è escluso che domani tutto lo sviluppo satellitare segua questo nuovo indirizzo. Anche perché quel che si chiede a sistemi di questo genere è di consumare poco, essere modulari, non eccedere negli ingombri e gestire al meglio le comunicazioni. Non a caso c'è un altro progetto NASA relativo ai robot SPHERES, che punta a fornire agli astronauti il controllo remoto tramite smartphone direttamente a bordo della stazione spaziale internazionale. Insomma, i telefoni di nuova generazione possono ormai tutto sia in terra che nello spazio siderale.  

4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation