Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Redazione News
62
0

Più attivi su internet, in particolare con i tradizionali computer, ma meno attenti alla sicurezza sugli altri device così da essere tra le vittime più appetibili dei cybercriminali. L’ultima indagine di Kaspersky Lab e B2B International - "Più maturi e più saggi? Uno sguardo alle minacce che gli over 55 affrontano online", condotta su un campione globale di 12.546 persone - fa emergere un quadro preoccupante per la sicurezza online degli ultra 55enni. Nonostante questa fascia d’età sia più propensa a installare software di sicurezza sui propri computer - sottolineano i promotori della ricerca - lo è meno a proteggere gli altri device o a migliorare il comportamento online per essere più protetta. Ad esempio, rispetto ad altre fasce d’età, utilizzano meno impostazioni di sicurezza elevate sui social media e nel browser (30% contro il 38%). Sono anche meno propensi ad usare funzioni di sicurezza interne al device (come, ad esempio, "trova il mio device") o le VPN – 28% e 10% rispettivamente contro il 42% e il 16% di utenti di tutte le età. Quando condividono un’informazione, solo il 35% ricontrolla i messaggi prima di inviarli e solo il 16% evita di condividere informazioni se si sente poco attento (contro il 44% e il 31% tra gli intervistati più giovani). La generazione più matura utilizza Internet in tutti gli ambiti della propria vita – aumentando così, se non prende le dovute precauzioni, il rischio di subire attacchi da parte di cyber-criminali. Gli over 55 usano Internet per comunicare tra loro – il 94% invia email regolarmente. Inoltre, navigano su Internet per svolgere le attività quotidiane. Le persone in questa fascia d’età sono più propense di altre a condurre transazioni su Internet: il 90% degli over 55 fa shopping online ed esegue transazioni tramite l’online banking (rispetto alla media dell’84% degli utenti delle altre fasce d’età). Nonostante ciò, solo metà degli over 55 (49%) si preoccupa della propria vulnerabilità durante l’acquisto di prodotti online e la grande maggioranza (86%) non ritiene di essere un bersaglio per i cyber-criminali. La cosa preoccupante è che quattro persone su dieci (40%) si sono messe in pericolo condividendo i dettagli finanziari nel dominio pubblico (rispetto al 15% delle altre fasce d’età). La loro mancanza di conoscenza del mondo online rende gli over 55 meno preparati a combattere i pericoli di Internet, concludono i ricercatori. Il risultato di ciò è che questa generazione è diventata vittima dei cyber-criminali. Secondo l’indagine, il 20% di tutti gli utenti ha parenti più anziani che sono stati vittime di software dannosi e il 14% ha parenti più grandi che sono stati vittime di finte vincite online. Inoltre, il 13% ha parenti più anziani che hanno condiviso informazioni troppo personali su Internet e il 12% ha parenti più maturi che sono stati vittime di truffe online.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation