Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
73
0

La competizione tra browser per navigare in internet (da PC, tablet e anche smartphone) negli ultimi anni è diventata sempre più serrata, con diversi protagonisti in concorrenza tra loro. Gli aggiornamenti, in questo settore, diventano dunque fondamentali per poter attrarre nuovi e vecchi "internauti". Ultima novità in questo campo è il rilascio, da parte di Google, della nuova versione beta di Chrome. In questa release BigG ha introdotto alcune funzionalità interessanti per le varie edizioni destinate a tutti i tipi di device connessi al web. Per quanto riguarda la versione Android gli sviluppatori  hanno introdotto una barra dedicata alla traduzione della pagina visualizzata (supportata da Google Translate). Come da tempo accade nella versione per PC, nel momento in cui viene visualizzata una pagina web in una lingua differente da quella prevista per il proprio dispositivo, è possibile cliccare sulla barra per la traduzione. Sempre nella versione di Chrome per Android ora nella toolbar è presente anche un pulsante "+" che permette di aprire una nuova tab. Infine, è stata implementata la modalità full-screen anche per installazioni su tablet (in precedenza questa opzione era disponibile solo su smartphone). Per la versione beta destinata ai desktop il blog ufficiale indica novità per quanto riguarda la gestione delle notifiche: ora le app e le estensioni di Chrome possono visualizzare le notifiche utilizzando un'interfaccia rinnovata e più efficace. Alcune operazioni, infatti, possono essere compiute direttamente dalla finestra di notifica. Le notifiche sono uno strumento presente da tempo, ma ora verranno visualizzate direttamente nell'interfaccia del browser. L'utente ha anche la possibilità attraverso un apposito pannello di disabilitare alcune notifiche in modo tale che questi elementi possano rappresentare una facilitazione e non un'eventuale distrazione. Infine un aggiornamento che interessa sicuramente molto chi naviga in mobilità. Google Chrome beta per Android include anche una funzionalità sperimentale di compressione dei dati che permette, grazie ad un proxy server, di ridurre il consumo di circa il 50%. Tramite un grafico è poi possibile monitorare il quantitativo di banda risparmiato.  

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation