Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Follower
28
0

Gli appassionati di social web hanno un nuovo alleato: si chiama RockMelt ed è un browser basato sul sistema operativo Chromium che ha come obiettivo dichiarato – e non poco ambizioso – quello di rivoluzionare il modo di usufruire della rete. Il padre del progetto è Marc Andreessen. Un nome già noto agli intenditori, visto che fu a capo del team che lavorò al primo browser della storia dell'informatica personale, Mosaic. È stato, poi, uno dei cofondatori di Netscape, il notissimo e amatissimo browser grafico nato nel 1994. Come ha intenzione di portare avanti il progetto rivoluzionario RockMelt? Non certo attraverso novità a livello strutturale (visto che in quel senso non ci sono differenze sostanziali rispetto a una versione open source del codice da cui Google ricava il suo Chrome), bensì tramite una spiccata vocazione social delle sue funzionalità. Lo dimostra il fatto che, per poterlo utilizzare è necessario e imprescindibile avere un account Facebook. Ma proviamo a capire meglio in cosa consiste questa natura sociale. RockMelt presenta una particolare interfaccia grafica, ideata appositamente per tenere il passo con le esigenze di interazione e socializzazione online. Effettuando il login su Facebook compaiono due sidebar aggiuntive, che sono ultra personalizzabili e ultra personali. La barra di sinistra visualizza i propri contatti “preferiti”, permettendo di chattare e condividere contenuti e video con gli amici in modo rapido e funzionale. La barra di destra rende disponibili i siti e i servizi preferiti, che prontamente si illuminano ogni volta che viene rilevato un aggiornamento. E una volta riempita con le tue informazioni personali, l'interfaccia ti segue: da qualsiasi pc si acceda, una volta entrati nel proprio account si materializzano le proprie informazioni. Inoltre il browser di Andreessen offre una particolare velocità e fluidità di scorrimento delle pagine nella navigazione, per rendere più piacevole la permanenza online. In pratica il tasto “indietro” per visualizzare pagine precedentemente aperte non sarà più necessario: sarà proprio come sfogliare una rivista. Il punto forte di questo nuovo software di navigazione (che debutterà in versione beta limitata lunedì prossimo, per Mac e Windows) è dunque la perfetta integrazione con Facebook, e per questo è già stato soprannominato da qualcuno il “Facebook browser”. Rivoluzione o no saranno gli utenti a dirlo: per ora ne aspettiamo l'arrivo - in una versione, comunque, ancora sperimentale.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation