Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Follower
137
0

Ieri sera all’ipermercato abbondavano i genitori impegnati a procurare ai propri figli i libri di testo per il prossimo anno scolastico. Ho pensato con invidia alla…Corea del Sud. Sì: il Ministro dell’istruzione sudcoreano ha dichiarato che entro il 2015, previa una spesa di due miliardi di dollari in quattro anni, la nazione abbandonerà i libri di testo cartacei a favore di quelli digitali. Hanno chiesto, al ministro, se non si aspetta problemi da una transizione che certamente sarebbe epocale. E lui ha risposto che no, gli studenti di oggi hanno grande familiarità con l’ambiente digitale, dunque non ci saranno difficoltà. E la differenza è tutta qui: per il ministero dell’istruzione sudcoreano, ad avere la priorità nella scuola sono gli studenti. Coloro che sono lì per imparare e per cui in effetti è stata realizzata la scuola. Non so chi di voi potrebbe provare a parlare con le autorità scolastiche e avere successo nel convincerle magari a un test, a sperimentazioni, a condurre esperienze pilota con le famiglie disposte a cimentarsi nell’impresa. Eppure bisognerebbe provare in tutti i casi, proprio perché ne va del futuro degli studenti, dei nostri figli. Non è tanto importante che a scuola imparino a usare la videoscrittura W oppure il foglio di calcolo X. Conta imparare a compiere ricerche su Internet, a presentare i dati, a usare le interfacce naturali basate sul tocco. Molto più importante e molto più decisivo per la loro crescita, che abbiano sei anni oppure sedici. Se la vostra scuola non vi ascolta, genitori e figli che leggete, ribellatevi. Impugnate le vostre tavolette, i vostri smartphone, i vostri netbook, i vostri ultrathin. I libri di scuola li dovete comprare comunque. Ma, dato un argomento, provate a sviscerarlo a colpi di applicazioni. Probabilmente scoprirete che si può imparare molto meglio che su un libro di testo convenzionale, e per forza: la carta non può dare più di testo e immagini. Il digitale ci mette audio, video, animazioni, interazione; imparare diventa quasi troppo facile! Mostrate le vostre conquiste ai professori, nelle loro materie, senza paura e con insistenza. Sarete fortunati e ne troverete almeno uno ricettivo. Se vi serve qualche suggerimento, fatevi sentire.

4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation