Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Redazione News
40
0

Unità, uguaglianza, valori sociali, difesa della globalizzazione, inclusione, sicurezza, comunità e tanto altro ancora. Il papà di Facebook, Mark Zuckerberg, ha pubblicato ieri pomeriggio sul suo profilo personale una lettera aperta, un manifesto, dedicato alla "nostra comunità". Molti di coloro che lo indicano come un futuro presidente degli Stati Uniti d'America hanno visto in molti passaggi delle risposte - indirette e senza mai citarlo - alle nuove politiche di Donald Trump. Zuckerberg ha ribadito più volte, però, che l'impegno politico diretto non è un suo obiettivo. Sta di fatto che la comunità globale più famosa del mondo sia proprio Facebook e che lui - per certi versi - ha più "voti" (oltre 1,8 miliardi di utenti) di qualsiasi capo di governo al mondo, oltre ad essere il 6° uomo (e il più giovane con i suoi 32 anni) oggi più ricco del pianeta (Forbes). In apertura del suo discorso, Mark Zuckerberg si pone e pone a tutti una domanda: "stiamo costruendo il mondo che tutti vorremmo?". Un interrogativo profondo, su cui vale la pensa riflettere ogni giorno. Ed è per questo che è anche doveroso leggere il "manifesto" di Zuckerberg, per trarre poi ognuno le proprie conclusioni.

Mostra altro
4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation