Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

Follower
125
0

La ricarica di un tablet per induzione magnetica può avvenire anche sott'acqua. Toshiba durante il recente CES di Las Vegas ha presentato un prototipo davvero curioso. Esteticamente sembra un comune dispositivo di ultima generazione, ma il test dimostrativo ha lasciato tutti di stucco. In pratica mentre il tablet era immerso in un acquario e il display mostrava le immagini di un filmato, la batteria sembrava ricaricarsi. Il sistema che ha consentito questa magia ovviamente non richiede il contatto, ma almeno 8 cm di distanza tra il dispositivo e il modulo induttivo. In questo caso i tecnici giapponesi hanno dotato il tablet di un pacchetto batteria speciale - ma indistinguibile da quello tradizionale - e hanno montato nella base dell'acquario la sorgente elettromagnetica che consente la ricarica. Non è chiaro se questa soluzione Toshiba verrà mai commercializzata, ma è ormai scontato che questo rappresenta il nuovo fronte di sviluppo del settore. Probabilmente non interesserà a molti poter disporre di un tablet o di un notebook capace di ricaricarsi sott'acqua, ma quel che conta è che non ci siano limiti per la sua adozione. E per quanto riguarda la sicurezza? Beh, al momento sembra che non vi siano rischi per la salute, ma la moda del wireless sta diventando forse un po' troppo dilagante. Davvero abbiamo bisogno di ricaricare ogni nostro dispositivo tecnologico senza utilizzare un cavetto?

4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation