Menu Toggle

Vodafone Community

Archivio News

New Entry
85
0

Di oggi la notizia, resa nota dal Wall Street Journal che il Procuratore Generale della California, Kamala D. Harris, ha raggiunto un accordo con le sei maggiori compagnie operanti sul mercato dei device mobili, per rivedere le norme che regolano le modalità di gestione dei dati personali delle app. L’intesa è stata raggiunta congiuntamente con Apple Inc., Google Inc., Amazon.com Inc., Microsoft Corp., Hewlett-Packard Co. e Research In Motion Ltd. Le big si sono accordate per richiedere agli sviluppatori che tutte le applicazioni delle loro piattaforme abbiano politiche a tutela della privacy. Secondo i dati pare in effetti che ben 22 su 30 delle app per mobile più scaricate non seguano norme di privacy sufficienti, inviando dati sensibili sul web senza informare adeguatamente l’utente. Tra le regole stilate nell’accordo si specifica che le app con accesso ai dati personali devono mostrare una “descrizione della policy sulla privacy, con informazioni chiare e complete riguardo la raccolta, l’uso e la condivisione di tali dati”, che “gli sviluppatori saranno tenuti a indicare di volta in volta i link ai rispettivi siti Web con le indicazioni volte alla tutela della privacy”, che agli utenti dovranno essere segnalati eventuali abusi, e che le società dovranno porvi rimedio, continuando a lavorare su questi punti. Positivo l'impegno di queste grandi nei confronti della tutela dei loro utenti.

4g arrow-right main_icn_Chevron_down main_icn_Chevron_left main_icn_Chevron_right main_icn_Chevron_up main_icn_Close google-plus-thin main_icn_Menu social-facebook social-google-plus social-linkedin social-twitter social-youtube main_icn_Community_or_Foundation